Le Storie del Lunedì: la schiuma da barba

Le Storie del Lunedì: la schiuma da barba

E’ considerata un valido strumento per la bellezza maschile, che porta l’uomo a non assomigliare ad un profeta..

Nell’odierno numero delle “ Storie del Lunedì “ racconteremo la storia della nascita di uno dei prodotti per la bellezza maschile per eccellenza: la schiuma da barba. In anticipo chiediamo scusa alle nostre lettrici se oggi dedicheremo un po’ di tempo alle vicende del rasoio e alla nascita del sapone da barba. Ragazzi, uomini e tutti voi, ma sappiamo quanto è nata la schiuma da barba?

“La Barba non fa il filosofo” (Plutarco)

Rasoio etrusco

Beh, le parole dello storico greco – se pur criticabili oppure condivise per chi come me porta la barba- ci illustrano qualcosa di interessante: ovvero che nell’epoca in cui viveva lo storico c’erano tanti che si facevano crescere la barba e che non avevano l’aspetto (interiore) di un filosofo. Ma c’erano altri uomini che si rasavano completamente il viso prendendo l’aspetto di una delle statue che si potevano osservare o nel foro oppure nell’agorà. Le prime attestazioni sull’antenato della schiuma da barba l’abbiamo nell’antico Egitto e qui la storia si fonde con la rasatura: abbiamo molte rappresentazioni iconografiche ( i graffiti per intenderci ) dove si osservano scene di rasatura molto ben dettagliati. Il sapone che veniva utilizzato per agevolare il passaggio dei rasoi in bronzo veniva estratto da grassi animali ed oli vegetali che permetteva un risultato molto efficiente.

Con il passare del tempo, come per tutte le creazioni dell’essere umano, anche la schiuma da barba subì una sostanziale evoluzione. Siamo nel XII secolo, quando dalla Terra Santa venne portato in Europa (in Francia, Spagna e Italia) il Sapone di Aleppo un sapone ricavato dagli oli di oliva e di alloro che sarà anche l’antenato del noto sapone di Marsiglia. Questo sapone venne utilizzato anche per la rasatura medievale, ma non era poi così facile da usare visto che non favoriva lo scorrere del rasoio. Il XVIII secolo rappresentò un vero e proprio salto di qualità per chi desiderava radersi il viso: visto che in Europa e non solo, emersero aziende (piccole oppure grandi) dedite alla creazione di sapone per barba.

Ma nell’Inghilterra Vittoriana si ebbe la classica svolta! Grazie all’ingresso nel mondo commerciale di uno dei primissimi saponi da barba in tavoletta. Ebbe subito un grande successo dovuto alla sua schiuma densa e compatta che favoriva lo scorrimento del rasoio ed una perfetta rasatura. Con l’ingresso nel mondo commerciale della schiuma da barba spray, subito dopo il secondo conflitto mondiale, portò questo prodotto ad esser più facilmente commerciabile e soprattutto portò ad una ancor più semplice rasatura visto la continua evoluzione del materiale.

Non so voi, ma io nel leggere queste storie sulla schiuma e sapone da barba mi sta venendo la voglia di far suonare il mio rasoio.. anzi no, aspettate.. sono solo gli effetti del lunedì mattina!

Buon Lunedì.

“Tutti i grandi cambiamenti sono semplici.”

Leave a comment